Navigare in sicurezza lungo la costa e nella Laguna di Venezia

Tutto quello che c’è da sapere per navigare nella Laguna di Venezia

Se con la vostra barca in affitto decidete di allontanarvi un po’ da Caorle, vi suggeriamo alcune informazioni utili per la corretta navigazione in mare, nei pressi di Venezia, e nella Laguna di Venezia.

Bricole

Le bricole indicano il canale da seguire: al di fuori dei canali il fondale potrebbe essere molto basso (“secca”), ed è comunque vietato navigare per la salvaguardia del fondale marino della laguna.
La prima e l’ultima bricola di ogni canale hanno il palo centrale più alto e riportano dei catarifrangenti di colore verde o rosso. Entrando o uscendo da un canale dovremo girare oltre quest’ultima bricola, mantenendola alla nostra sinistra se mostrano il catarifrangente rosso, oppure alla nostra destra se ci mostrano il verde. Tutte le altre, allineate, mostrano invece un catarifrangente di colore bianco che ci indica il lato delle bricole dove c’è il canale, e dal quale si dovrà navigare.
Sulle bricole è vietato ormeggiarsi.

Circolazione

La circolazione nei canali è molto semplice ed intuitiva, ma dovremo distinguere due diverse situazioni:
– Circolazione in canali larghi: come nelle strade, sarà necessario mantenere la propria dritta (destra);
– Circolazione nei canali stretti o interni (detti “rii”): quando in un canale stretto si incontra una barca a un remo (ad esempio una gondola), dovremo tenere la sinistra e passare dalla parte del remo. Infatti, di norma i rii non sono contraddistinti dalle bricole perché ai lati spesso sorgono le rive o i palazzi: poiché nelle barche a un remo quest’ultimo viene fissato sulla destra della barca, se ognuno mantenesse la propria destra il vogatore non avrebbe più lo spazio per remare.

Precedenze

Anche le precedenze sono molto intuitive e guidate dal buonsenso. Si dà di norma la precedenza a destra, tranne quando si incontrano barche a vela o barche a remi: quest’ultime infatti avranno sempre la precedenza su una barca a motore, e nel caso della barca a vela dovremo, per quanto possibile, passare dal lato di sopravento.

Maree

Se in molti porti italiani e non, l’escursione di marea è nulla o irrilevante, nel porto e nella laguna di Venezia l’escursione può superare il metro, e ogni giorno vi sono due alte e due basse maree. Si dovrà pertanto dare la giusta importanza a questo fattore, ad esempio:
– Se ci fermiamo in una zona di basso fondale (ce ne sono moltissime in laguna, dove poter trascorrere un’ottima giornata in barca) e in quel momento c’è l’alta marea, potremmo dover aspettare l’alta marea successiva per tornare a casa;
– Viceversa, soprattutto nei canali interni, i ponti non sono tutti così alti, così se in un momento di bassa marea passiamo sotto un ponte, non è detto che riusciremo a passarci anche quando la marea sarà più alta.
Pertanto, il consiglio è quello di tenere sempre a portata di mano un “libretto delle previsioni di marea” del porto di Venezia.

Segnaletica

Non ci sono particolari cartelli di segnaletica da tenere a mente se non eventuali divieti di circolazione (cartello bianco bordato di rosso) o di ormeggio (di norma scritto in lettere), che sono comunque sempre accompagnati da pannelli integrativi.
Particolari segnali sono invece quelli che indicano i limiti di velocità, che non vengono espressi in nodi, ma in chilometri orari:
– I limiti sono indicati con segnali quadrati a sfondo bianco e con bordo rosso, al cui interno è indicata la velocità massima consentita in quel tratto di canale;
– Se non diversamente indicato nei canali interni la velocità massima è di 5 km/h.

informazioni utili / caorle

Venezia Mappa delle zone balneabili

Cattura

Per gli appassionati della pesca

 

Itinerari Simili

Navigazione lungo il Sile

Naviglio del Brenta